ENG
                         

Label

performance interattiva
dimensione: 4 x 3 metri
durata: 30 minuti
2011

Label – una sintesi di movimento corporeo e proiezioni video – indaga il deterioramento del corpo a favore dell’immagine. La scenografia digitale si appropria del corpo della performer e da esso genera una nuova struttura che andrà a sostituire la danzatrice.

Il lavoro indaga il deterioramento del corpo a favore dell’immagine che, a contatto con la materia, si trasforma in energia. La visione digitale che si concretizza attraverso l’uso della proiezione si appropria del corpo/performer, violandolo dall’interno, e da esso generando una nuova struttura. Questo scambio conflittuale tra corpo e visione, si conclude inesorabilmente con la privazione dell’elemento corpo, il quale andrà scomparendo. L’obbiettivo che si vuole raggiungere è rappresentare un’immagine capace di esibirsi in materia, mostrandosi nella realtà tangibile.
I movimenti del performer sono ripresi in tempo reale mediante l’uso della videocamera; i gesti vengono così associati ai cambiamenti dell’immagine proiettata nell’area scenica. Questa modalità di sviluppare la narrazione, in una dialettica che unisce spazio e corpo in un piano unico, permette una più serrata e intimista visione, indirizzata a un solo punto di vista.

coreografie e danza Nicoletta Cabassi
con Martìn Romeo
compositore Enrico Bozzato

Immagine anteprima YouTube

danzatrice Anna Claudia Romeo

Immagini